top of page
  • _

Rabbia, angoscia, pianto: come confrontarsi con le emozioni del bambino (e non solo)

La scuola è iniziata: tanti bambini piangono per entrare, molte mamme si preoccupano, molti papà si impegnano a lasciarli andare.

I primi giorni di scuola (di nido, d'infanzia o quale che sia il grado), le famiglie affrontano una fase di passaggio che può generare ansia se tutto non fila liscia come sperato: "speriamo che nostro figlio non pianga".

Gli educatori sanno che Settembre è un mese in cui avranno a che fare con la rabbia, l'angoscia, la paura, dei bambini (ma anche dei genitori) e per svolgere in modo professionale l'accoglienza del nucleo familiare devono sapersi confrontare essi stessi con il dolore, l'ansia e le altre emozioni che le sottendono e che possono entrare in risonanza con le stesse corde dentro di noi.

Dopo 12 anni di ambientamenti a scuola, come educatrice prima e come coordinatrice poi, osservo e tocco con mano la delicatezza di questo periodo che per tutti (scuola, bambino, genitori, nonni) è un bel banco di prova.

Un bambino che piange (non solo per entrare a scuola) porta inevitabilmente i genitori a temere che si senta impaurito, disorientato, arrabbiato; che non si senta al sicuro, che abbiano sbagliato in qualcosa, che "forse dovevamo dargli di più, di meno o in maniera diversa".

Riflettevo invece, in questi giorni come ogni anno, su quanto sia vitale e in qualche modo positivo (se non semplicemente sano e comprensibile), che i bambini abbiano energie sufficienti per arrabbiarsi, che non trattengano emozioni in luoghi poco conosciuti, che attraverso il pianto possano sperimentare la possibilità di essere abbracciati, ascoltati e consolati da qualcuno al di fuori della famiglia, lì fuori nel mondo.

Mi piace ricordare, e ricordarvi, che quello che dobbiamo augurarci è che la paura e il dolore non vengano temuti dai bambini e che, se tutti lì fuori - compresi noi stessi - imparassero a confrontarcisi, riusciremmo ad insegnare loro a gestire i momenti più critici della vita con positività e sicurezza.

Perchè non sono una persona sicura se non piango mai, se non mi arrabbio mai, se non ho paura mai: sono sicuro se penso di potercela fare, se penso che quella porta (di scuola e non) sarà solo da attraversare, con in tasca tutte le mie emozioni e una bella dose di coraggio.

Siamo a metà percorso, siamo a metà Settembre!

Sta andando tutto bene!

1 view0 comments

Recent Posts

See All

Educatrice e bambino: un rapporto educativo

Cosa si intende per rapporto educativo? Qual è la differenza tra le relazioni che il bambino coltiva in famiglia e quelle che coltiva a scuola? Certamente il rapporto con la figura adulta, all'infuori

Se mio figlio morde...

Non è raro che il genitore di un bambino al di sotto dei 3 anni si trovi di fronte al tema del morso, sia che si tratti del genitore del bambino che lo ha procurato sia che si tratti del genitore del

Giocare fa bene

Giocare e saper giocare rappresentano un segnale importante dello stato di benessere del bambino. Giocando si impara, giocando si comunica: la realtà fittizia che il bambino costruisce nel gioco non r

bottom of page