top of page
  • _

Educatrice e bambino: un rapporto educativo

Cosa si intende per rapporto educativo? Qual è la differenza tra le relazioni che il bambino coltiva in famiglia e quelle che coltiva a scuola?

Certamente il rapporto con la figura adulta, all'infuori di casa e non, non può essere pensato solo come un rapporto cognitivo. I bambini hanno bisogno (per imparare, per crescere) di una relazione di qualità, fatta di emozioni e sentimenti che hanno spesso una inconsapevole funzione comunicativa. Non sono cioè solo i contenuti veicolati dall'adulto a fare la relazione con il bambino ma è soprattutto - e prima di tutto - la relazione stessa. 

E' per questo motivo che l'educatore non può non avere consapevolezza della presenza e influenza delle proprie tonalità emozionali e di come debba essere in grado di esprimersi in modo corretto non solo a parole ma anche con la comunicazione non verbale (postura, atteggiamenti, movimenti, sguardo). Il bambino piccolo infatti comprende ed è condizionato più da ciò che percepisce che dalle parole che ascolta.

E quindi, proprio perchè i processi cognitivi si attivano fin dai primi mesi di vita del bambino, è fondamentale che le figure di riferimento (familiari e scolastiche) sappiano muoversi in questa relazione con lui in modo consapevole, sano, sensibile. 

Il bambino che si sente rassicurato, capito, soddisfatto, consolato, amato e degno di amore, svilupperà una buona fiducia in se stesso e verso l'altro e questo lo aiuterà ad esplorare il mondo e a conquistare gradualmente la sua autonomia. 

Le educatrici al nido riflettono pertanto continuamente sulle loro modalità comunicative e sulla rilevanza del ruolo che rivestono.

Per approfondimenti consigliamo: "Al Nido con la comunicazione non violenta" di Vilma Costetti e Noele Mrazek.

5 views0 comments

Recent Posts

See All

Se mio figlio morde...

Non è raro che il genitore di un bambino al di sotto dei 3 anni si trovi di fronte al tema del morso, sia che si tratti del genitore del bambino che lo ha procurato sia che si tratti del genitore del

Giocare fa bene

Giocare e saper giocare rappresentano un segnale importante dello stato di benessere del bambino. Giocando si impara, giocando si comunica: la realtà fittizia che il bambino costruisce nel gioco non r

Comments


bottom of page